sitemap


 
questo blog è fermo, per passaggio a nuova veste grafica all'indirizzo http://www.gradiniemappe.com/ (26/03/2015)

mappa concettuale errata: la pedofilia

martedì 3 aprile 2012

una mappa concettuale errata, quella sulla pedofilia che Luisa Santolini inserisce nella stessa cartella della omosessualita', quella degli orientamenti sessuali.
Sotto la versione corretta: la pedofilia va inserita nella cartella perversione

“La pedofilia? Un orientamento sessuale come l’omosessualità”

Lo afferma Luisa Santolini, parlamentare UdC, durante la discussione in aula del Ddl Concia.
Perchè una legge per punire chi discrimina gli omosessuali? L’omosessualità è un “orientamento sessuale” come tanti altri: c’è chi è gay, poi c’è chi è etero, e poi c’è chi è pedofilo… L’equiparazione fra pedofilia ed omosessualità non è stata pronunciata da qualche buontempone, ma da un deputato della Repubblica proprio nell’aula di Montecitorio, sollevando un vespaio di polemiche da parte di Paola Concia, promotrice del Ddl attualmente in discussione.
UGUALI UGUALI – A pronunciare le parole, invero pesanti e forse poco ponderate, l’esponente dell’UdC Luisa Santolini, che finisce immancabilmente sulle agenzie di stampa. ‘
Il mio orientamento sessuale e’ l’eterosessualita’, ma c’e’ ne sono anche altri, come l’omosessualita’ e la pedofilia’. Lo ha detto la parlamentare dell’Udc, Luisa Santolini, intervenendo in Aula durante la discussione generale sul testo di legge contro l’omofobia. L’affermazione dell’esponente centrista ha fatto andare su tutte le furie la prima firmataria del provvedimento e relatrice di minoranza Paola Concia. ‘La pedofilia e’ una malattia – ricorda il deputato – non certo un orientamento sessuale…’.


 post 414  
         


1 commenti:

ilGrandeColibrì ha detto...

"Sono stati questi mostri travestiti da vicino di casa, prof di religione, insegnante di musica o poeta a farmi maturare, a farmi perdere tutta l'innocenza che avevo, la voglia, distruggendo i miei sogni, obbligandomi a non desiderare più nulla, a non essere bravo in niente per non attirare più nessuno. Mi hanno fatto odiare la vita, gli amici, le uscite e me stesso". Segnaliamo la testimonianza di Lyas, salvato dall'amore per la musica e per il suo attuale compagno gay.
(link: Mostri nell'infanzia, amore nel futuro)

Posta un commento